E' in uscita il nuovo singolo "Amor y vida" di Gabriella Rinaldi close ×
+

Lista materiale in vendita

Se interessato contattami a magazzino@maxsound.it
Accettiamo PayPal, Bonifico.

CasioDH-100 sax midi150,00 €
TeacModel 2 vintage (1975)500,00 €
TechincsSH-801040,00 €
AlesisQuadraverb300,00 €
RolandU-220200,00 €
YamahaRev 7350,00 €
RevoxA 77450,00 €
FostexD-550,00 €
PioneerSA-8100200,00 €
KorgSDD-2000 Delay e Sampler200,00 €
KorgSDD-2000 Delay e Sampler200,00 €
Sequential CircuitDrumtracks Digital Drums)150,00 €
RolandHandypad-535,00 €
DBX – VENDUTO160 a (150€ VENDUTO)SOLD
DBX – VENDUTO160 a (150€ VENDUTO)SOLD
ADAMicrocab120,00 €
ADAMP-1 Valvolare220,00 €
KorgWavestation SR300,00 €
Kurzweil 1000PX300,00 €
Mackie32-8500,00 €
DrawmerDS201200,00 €
BBEUnimax 401120,00 €
HagstromSuperswade 6corde scala lunga250,00 €
Dbx266xl150,00 €
ZaorMobile da studio 2200900,00 €
DigitechVocalist VHM5250,00 €
DigitechStudio400 4in 4 out300,00 €
WarwickRockbass 4 corde300,00 €
Share : facebooktwittergoogle plus
pinterest

Digiverb plugin tips

Con tutta la scelta di plugins di riverbero che ho a disposizione perché mai scelgo spesso proprio Digiverb di Avid?

La ragione è semplicissima e non proprio scontata. Suona bene ed è leggero sulla cpu. Ma per ottenere il massimo da questo plugin bisogna comprenderne i pregi e le limitazioni.
Analizzandone le prestazioni ho capito che quello che mancava a questo plugin e che c’è per esempio nel Lexicon è una gestione del segnale prima di arrivare all’algoritmo di riverbero. Quindi ho provato ad inserire EQ7 di Avid prima del Digiverb per ridurre la banda di frequenza che raggiunge l’algoritmo del riverbero e, sorpresa, suona molto più simile al Lexicon. Non è male, no?

Proviamo con un passa-alto a 500 Hz con slope a 12 e un passa basso a 10KHz con slope a 12. Sul Digiverb lasciamo la Hall di default, aggiungiamo un pre-delay a 132ms e proviamo il D-verb sulla voce.
A me sembra che ha acquistato profondità, senso di prospettiva e una sorprendente terza dimensione. Regolate la mandata in modo che il riverbero sia appena udibile, non in modo ovvio, ma renda la voce “galleggiante” tra gli speakers.
Se non avete mai usato il riverbero “in parallelo” vi spiego come fare a creare un canale di “ritorno effetti” in ProTools:
1. create una nuova “aux track” mono, nominatela “REV” o quello che volete, assegnate all’input un “bus”, ad esempio il bus 1. Rinominatelo “REV”.
2. Inserite nel canale appena creato, al primo posto, il plugin Eq7 e regolatelo come abbiamo detto: passa-alto a 500 Hz con slope a 12 e un passa basso a 10KHz con slope a 12 (vedi foto).
3. A seguire inseriamo D-verb e modifichiamo il parametro “pre-delay” portandolo a 132 ms (vedi foto)
4. Ora inserisci un “send” sul canale della voce e assegnalo al “bus” 1 che ora si chiama “REV”. Prova a regolare il fader a -20 circa. Dovrebbe essere un buon punto di partenza.

Prova questo “Trick” e fammi sapere che te ne sembra. Puoi usare il form qui sotto!

Share : facebooktwittergoogle plus
pinterest

REGISTRARE UN DISCO: DIGITALE O ANALOGICO?

REGISTRARE UN DISCO: DIGITALE O ANALOGICO?
https://www.musicoff.com/audio-1/audio-recording-live/registrare-un-disco-digitale-o-analogico

Max Carola | Audio – Recording & Live | 03/05/2019 alle 11:47

Cari Musicoffili, l’argomento di oggi è molto sentito e spesso mi vengono richieste delucidazioni al riguardo: registrare un disco in analogico o digitale?

Viviamo in un momento fortunato per la registrazione audio e ognuno può avere un potente studio di registrazione nel proprio computer portatile o addirittura nel proprio cellulare. Garageband per iPhone ad esempio offre un completo centro di produzione musicale multitraccia incluso librerie di suoni.
A questo nuovo approccio si contrappongono schiere di tecnici e produttori che non vogliono rinunciare ad avere compressori, registratori a nastro, equalizzatori e altre amenità rigorosamente “hardware” cioè fisiche, con tanto ferro. Quindi vi dirò il mio punto di vista sull’argomento e lascerò a voi la scelta.

Dovete sapere che io il digitale l’ho visto praticamente nascere e ne ho potuto apprezzare l’evoluzione fin dai primi esperimenti con il Sony F1. E ho cominciato ad usare l’analogico praticamente da bambino. Nel 1975 avevo il mio studio casalingo basato su un Teac 3340S 4 tracce, un Revox A77 2 tracce (ancora in uso) e un mixer Teac Model 2 (ancora funzionante).

Questa premessa per dirvi che conosco bene entrambi i mondi e le mie opinioni sono basate su esperienze di prima mano. E la mia esperienza mi dice che se negli anni ’90 del secolo scorso l’audio digitale non era alla pari con l’analogico, negli ultimi anni le cose sono decisamente diverse.
In parte grazie alla straordinaria capacità di calcolo dei nuovi computer e della qualità molto migliorata dei convertitori. Ma anche grazie alla enorme capacità di straordinari programmatori che hanno imparato a carpire le sfumature più piccole dell’analogico.
Alla fine quindi cosè questa “magia” dell’analogico?

Per quanto ne ho capito io, e non scherzo, è l’imperfezione che il mondo analogico ha intrinsecamente: rumore e distorsione. In massima parte distorsione.
Il concetto di distorsione è preciso, ma anche vago per certi versi. Una tipica affermazione che sento spesso dai militanti “analogici” è che l’analogico è più fedele e il suono “migliora”. Ora queste due affermazioni, per una pura analisi logica, non possono coesistere. O il suono è uguale all’originale, oppure è “migliore”.

Affermare che c’è un miglioramento di qualche tipo è come ammettere che ci sia una forma “benigna” di distorsione. A fin di bene, ma pur sempre una alterazione del segnale originale. E qui che voglio svelare il grande segreto che aiuta a rendere il digitale più “analogico”: aggiungere il giusto grado di distorsione.
E la cosa è così vera e riconosciuta che esistono decine di plugin che fanno esattamente questo: distorcere il suono.

Aphex Aural Excitex AX
In verità i primi a capire questa cosa sono stati alcuni produttori che negli anni ’70, sempre del secolo scorso, avevano imparato che aggiungendo un poco di “fuzz”, in parallelo, alla voce potevano renderla più interessante e incisiva. Subito seguì il primo box miracoloso, l’Aphex Aural Excitex AX era la prima applicazione professionale di un sofisticato sistema di distorsione ottimizzato per l’uso in parallelo in studio di registrazione. Di fatto un sistema di generazione di armoniche.
Ma guarda, è proprio quello che accade quando si satura o distorce un segnale!

Il primo plugin di cui ho memoria risiede nella DAW Pro Tools già da molti anni e si chiama “LO-FI” ed è parte di una suite chiamata D-FI.
Questo plugin è progettato per aggiungere al segnale originale una vasta scelta di distorsioni e rumori così come desritto nelle specifiche: “Lo-Fi è un generatore di rumore ad ampiezza variabile che aggiunge distorsione soft-clipping e saturazione. Include anche un controllo dell’anti-aliasing e la possibilità di bit-reduction” (tradotto dal manuale).
Questo plugin è tra i favoriti di Andrew Schepp e anche mio. Ora è incluso nei plugins free di Pro Toos, anche se poco conosciuto.

Segue una lista di alcuni dei plugins disponibili che utilizzo frequentemente:

Avid Lo-Fi
McDsp Analog CHannel
McDsp FutzBox
Plugin Alliance Bx-Saturator
Crane Song Phoenix
Massey THC
Izotope Trash2

Ce ne sono molti altri che lascio scoprire a voi. Ricordate che l’effetto migliore si ottiene utilizzando i plugin in parallelo e ne basta spesso pochissimo per essere efficace.
Nel prossimo articolo parleremo della simulazione del nastro magnetico, altra forma di distorsione con delle caratteristiche peculiari.

Per ora spero di avere stimolato la vostra curiosità e voglia di sperimentare.

https://www.musicoff.com/audio-1/audio-recording-live/registrare-un-disco-digitale-o-analogico

Share : facebooktwittergoogle plus
pinterest



Ciak d’Oro come Miglior Attrice non protagonista va a Marina Confalone per “Il Vizio della speranza”. Due Ciak d’Oro vanno a Enzo Avitabile che si aggiudica, sempre per “Il Vizio della speranza”, la Miglior Colonna Sonora e la Miglior Canzone originale, con “A Speranza. Registrata e missata da Max Carola presso i Maxsound Vibe Studios.
Per contatti: studiobooking@maxsound.it

Share : facebooktwittergoogle plus
pinterest

1 2 3 4